Perché richiedere una certificazione energetica?

La Certificazione Energetica o Attestato di Prestazione Energetica (APE) è un documento redatto da uno specialista abilitato all’esercizio della professione, che riporta i consumi e dunque il rendimento energetico di un’unità immobile. Il Decreto Legge 63/2013 ha disposto l’obbligo di dotarsi di Certificazione Energetica per gli edifici di recente costruzione, nonché per tutti gli immobili oggetto di vendita, locazione, donazione, agevolazioni fiscali sul risparmio energetico. L’APE consente inoltre di confrontare i livelli di consumo degli immobili in base ai parametri indicati dalla normativa e, di conseguenza, di riconoscere un valore maggiore a quelli risparmio energetico e a basso impatto ambientale. La ratio è quella di incoraggiare costruttori e proprietari al miglioramento dei livelli di efficienza energetica degli edifici in conformità con le politiche comunitarie volte a promuovere l’ecosostenibilità e l’impiego di energie rinnovabili.
Una volta contattato il Certificatore, ossia il soggetto abilitato all’analisi tecnica delle caratteristiche energetiche di un’unità immobile, la procedura ha previsto lo svolgimento di un sopralluogo da parte dell’esperto presso la mia abitazione. In quanto proprietario, ho dovuto fornire una serie di documenti e dati riguardanti l’immobile: planimetria e visura catastale, anno di costruzione dell’immobile, ubicazione dell’edificio, libretto dell’impianto di riscaldamento, nel mio caso una caldaia. I prezzi per le certificazioni energetiche in base alle caratteristiche dell’immobile, è di circa 200€.
Personalmente, ho scelto di rivolgermi ad un’agenzia di esperti e di dotare la mia abitazione di un Attestato di Prestazione Energetica in occasione della vendita dell’immobile, allo scopo di aumentarne il valore. L’intervento del Certificatore, oltre ad attestare i livelli di consumo dell’unità, ha anche emesso una valutazione ambientale dell’immobile e suggerito una serie di interventi di ottimizzazione eseguibili allo scopo di migliorarne l’efficienza energetica. Ho così deciso di attuare le misure indicate dall’APE a partire dall’installazione di impianti di riscaldamento alimentati da fonti rinnovabili usufruendo degli Ecobonus, ossia degli incentivi statali previsti per gli interventi di riqualificazione energetica degli edifici. A seguito dei lavori, l’appartmento ha acquisito un valore sensibilmente più alto, mentre il potenziale acquirente ha potuto conoscere in anticipo il costo delle bollette energetiche che avrebbe dovuto pagare e che, in seguito agli interventi apportati in base ai suggerimenti riportati dall’APE, si sono notevolmente ridotte, incoraggiandolo ulteriormente all’acquisto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *